#diariomontano18

La Val Fiscalina è senza dubbio una delle mete più turistiche e gettonate degli ultimi anni, quando parliamo di Dolomiti da vivere in estate ma anche in autunno. Dico autunno perché i meravigliosi prati a larice che fanno da cornice alla parte bassa della valle offrono una palette di colori unica tra settembre e ottobre, e la voglia di ammirarli in questa stagione non mi è ancora passata, sebbene io abbia bazzigato spesso da quelle parti.

Il giro che proponiamo oggi è un classico pescato su una guida, e quando lo abbiamo affrontato ci serviva proprio, dopo una settimana passata quasi tutta in valle a causa del maltempo. Quando ci siamo alzati quel giorno c’era il sole ed era quindi tempo di andare a vedere le cime.

Val Fiscalina
Anello di Cima Uno

Difficoltà Media
Tempo di percorrenza 7h (6h45 tempo guida CAI)
Dislivello in
salita1.074
1.074 metri
Sentieri 102, 101, 103
Carta Tabacco 010 DOLOMITI DI SESTO 1:25.000
Rifugi Piano Fiscalina, Fondovalle, Locatelli, Pian di Cengia, Zsigmondy-Comici

La nostra partenza è la Val Fiscalina: quell’anno pernottammo a Sesto (Sexten) e per fare il nostro giro siamo andati in macchina a Moso (Moos), poco distante: un crocicchio con 4 case intorno e altrettanti alberghi di lusso. Dalla strada per il passo Monte Croce si volta a destra, dove si ammirano le distese di prati, larici e casette per il fieno fino ad un parcheggio (a pagamento) in corrispondenza di un rifugio sul fiume, il Rifugio Piano Fiscalina, da cui parte la maggior parte dei sentieri che si addentrano nella valle, chiusa al traffico e priva di impianti di risalita (top).

Info

Nel caso non si voglia muovere la macchina dall’alloggio, l’autobus di linea ferma proprio qui, e poiché c’è anche un grosso albergo, passa con discreta frequenza.

Passeggiata in Val Fiscalina

Partiamo dunque dal ristoro, imboccando una strada sterrata di collegamento (sentiero numero 102) che percorre la Val Fiscalina mantenendosi al livello del fiume, molto facile e fattibile anche in bicicletta, col passeggino, con zaini carichi di bambini, in ogni stagione e con ogni tempo. Il paesaggio che incontriamo è incredibile: i sassi bianchissimi e abbaglianti che compongono il letto del fiume e le strade sembrano disegnati in mezzo agli abeti e ai larici scuri, mentre le pendici scoscese delle montagne che si affacciano nella valle si avvicinano e diventano sempre più imponenti, man mano che si procede.

Val Fiscalina
L'hanno definita "la valle più bella delle Dolomiti" mica a caso

Dopo circa 30 minuti di buon passo arriviamo al secondo rifugio della giornata, il Rifugio Fondovalle: grande, ben fornito e con buon cibo, ha una fontana, i giochi per i bimbi e diverse attrattive per ciclisti e altri sportivi. Adesso che abbiamo fatto la nostra passeggiata di salute potremmo anche fermarci qui e mangiare come il porco, prendere il sole sulle sdraio e dormire. Oppure no, ci piace la fatica, quindi continuiamo. E dai dai dai.

Andiamo, dunque. Il sentiero (sempre 102) si inerpica per la valle, costeggiando il torrente che scende dal parco delle Tre Cime di Lavaredo, e di lì a poco giungiamo ad una biforcazione, tra i sentieri 102 e 103, il primo sulla destra e il secondo sulla sinistra. Seguiamo il 102 sulla destra, poiché completato il giro torneremo dal 103, al grido fortissimo di AMO I GIRI CIRCOLARI.

Info

Nota di colore: i giri circolari sono i preferiti di mio marito e anche io inizio ad apprezzarli, dopo anni. Hanno infatti numerosi pregi: si vede più mondo, sembra di aver fatto più strada quando in realtà la distanza è simile, e c’è un senso di compiutezza che ti invade al termine del percorso. Bisogna sceglierli con cura però, e fare attenzione alla direzione da imboccare, in modo da avere la parte con la pendenza più elevata in salita. Perché?

Perché, nella nostra modesta esperienza, la discesa molto ripida spacca le ginocchia e risulta più faticosa della salita, quindi noi scegliamo sempre la salita pesa all’andata e la discesa dolce al ritorno, ove possibile. Ad esempio, questo giro si può fare anche al contrario, anzi sarebbe più indicato per una questione fotografica di sole che illumina le cime, ma avremmo un paio di scoscese ratadine da percorrere, quindi abbiamo optato per la salita classica ma parzialmente accecante verso il Locatelli.

Il sentiero al Rio Fiscalina
Guardare troppo a lungo l'acqua può rendere ciechi

La salita al Locatelli

La valle si apre ma il sentiero prosegue con una salita abbastanza impegnativa, soprattutto per via della luce fortissima che abbiamo costantemente negli occhi e della vegetazione sempre più bassa, che quindi ripara poco dal sole. Si tratta di boschi di mughe dal profumo molto intenso, che unito al riverbero del sole nel torrente creano un’atmosfera magica quanto a tratti parecchio invadente.

Il sentiero inoltre procede con scalette di tronchi seguendo il fianco della montagna, perciò la lunghezza del passo è forzata dal terreno. Odio fare il passo più lungo della gamba. Almeno siamo solo noi, niente zavorra (non sarebbe fattibile). Dopo un’ora circa di cammino arriviamo ad una svolta nel sentiero che aggira una piccola cascata, superata la quale la valle diventa pensile ed il pendio si addolcisce un poco. Ma solo un poco, non ci illudiamo.

Torre di Toblin
Compare la Torre di Toblin

Usciamo dalle mughe e in breve giungiamo in vista dei Laghi dei Piani, di forma quasi circolare e dal colore di smeraldo, che si trovano proprio sotto il famosissimo Rifugio Locatelli – Drei Zinnen Hutte, meta di ogni escursionista che voglia vedere almeno una volta nella vita le Tre Cime di Lavaredo.

Laghi dei Piani
Laghi dei Piani poco scintillanti, ma il tempo è quello che è

Qui purtroppo, in alta stagione estiva, il clima turistico è simile a quello che potremmo trovare sul lungomare di Riccione perciò noi, che siamo venuti in montagna per fuggire dalle persone, ci allontaniamo al più presto verso acque più tranquille. Già mi prudono le braccia, vedendo tutta quella gente.

Info

Se invece volete morire sulla panchina e bervi una birra in pace o mangiarvi una sacher, beh, direi che il panorama non ha rivali. Fin qui abbiamo camminato circa 3 ore, forse qualcosa di più, direi che una pausa ce la meritiamo comunque.

Panoramica delle Tre Cime
Infografica del panorama

Dal Locatelli al Pian di Cengia

Il Locatelli è costruito su una sorta di passo, perciò per proseguire e completare il nostro cerchio intorno alla Cima Uno e alle Crode Fiscaline, dopo aver fatto 150 foto ai sassi belli cercando di non inquadrare nessuno e quindi credere di essere i soli ad ammirare la meraviglia, proseguiamo in direzione del Monte Paterno, ovvero quella sorta di cresta di drago che ci troviamo sulla sinistra delle Tre Cime. Il sentiero che prendiamo si chiama 101 e si infogna fra i sassi e l’erba sotto al Paterno e poi resta in costa nel ghiaione, si vede già ad occhio nudo dal rifugio. Andiamo dunque. Una volta raggiunto il ghiaione possiamo ammirare lo splendido lago blu e verde che c’è sotto al monte e che pare dipinto. Grazie al cielo il sentiero è in costa, così posso fare circa 170 foto al suddetto lago, da ogni angolazione possibile.

Lago del Monte Paterno
Questo è il colore che vogliamo! Ovviamente, non era lo stesso giorno...

Info

Un altra versione di questo sentiero è raccontata nella quarta tappa de L’Altavia de noantri. La trovate qui.

Dopo circa 40 minuti arriviamo al termine della pacchia e tocca salire di nuovo, per superare un altro piccolo passo, quello che ci consente di guardare dentro la natura selvaggia della montagna. Dalla forcella Pian di Cengia (2522 m s.l.m.) infatti si può ammirare lo spettacolo delle cime che si accavallano a perdita d’occhio, senza troppa ressa a disturbare la contemplazione. Dalla forcella proseguiamo in quota verso il terzo rifugio, Pian di Cengia appunto, che è in testa alla mia personale classifica dei rifugi più amati.

Piccola baita incastrata nella roccia irraggiungibile d’inverno, è gestita da uno stuolo di ragazze e ragazzi di una famiglia di albergatori. Si mangia come al ristorante, nonostante le evidenti difficoltà di approvigionamento, e si bevono tazze di té grandi quanto vasche da bagno. Inoltre pare che lo strudel sia uno dei migliori dell’arco alpino (io non amo lo strudel e se posso non lo mangio, ma il marito che invece è un estimatore conferma con foga questa diceria).

Noi mangiamo qui, funestati da una pioggia improvvisa che ci ha colto per strada. Purtroppo avevamo i panini con noi, quindi ci avvolgiamo nei ponci, mangiamo in 5 minuti netti e poi ci introduciamo nel caldo e accogliente rifugio, gremito ma ormai alla fine del turno quindi un posto a sedere lo rimediamo lo stesso. Abbiamo preso freddo mangiando fuori sotto l’acqua quindi ci sta una fetta di torta con un té e un punch al rum. Immancabile.

Rifugio Pian di Cengia
Il mio rifugio dei sogni

Tempistiche

Fin qui, abbiamo camminato per circa 4 ore e 30 minuti, comprese le pause di riflessione. Ma ora la salita è finita. EVVAI! Adesso possiamo respirare le nuvole e scendere col passo leggero.

Discesa per il Zsigmondy Comici

A malincuore ci lasciamo il Pian di Cengia alle spalle, ha smesso di piovere e ormai è ora di scendere. Continuiamo sul sentiero 101 che costeggia, in piano, alcune rocce, attraversa un altro facile passo e poi scende verso la valle del Rio Fiscalino. Il gruppo delle Crode Fiscaline e di Cima Uno è alla nostra sinistra e ci accompagna da tutta la giornata. Girandoci intorno possiamo vedere ogni vetta da tutte le angolazioni. Appena scendiamo in vista della prima vegetazione arborea, ecco che compare il quarto rifugio, il Zsigmondy-Comici, abbarbicato sotto la Croda dei Toni.

Da qui poi il sentiero prosegue nel bosco (numero 103) e dopo una piacevole passeggiata siamo di nuovo al bivio che abbiamo incontrato al mattino. Abbiamo chiuso il cerchio, due punti per noi. Proseguiamo sul sentiero 102 verso il Rifugio Fondovalle e di nuovo fino al parcheggio, gustandoci le ombre lunghe della sera che avanza e i colori che sfumano nel rosa.

Verso il Comici
Verso il Zsigmondy Comici

Tempistiche

Dal Pian di Cengia fino a qui sono trascorse circa 2 ore e 30 minuti, per un totale di 7 ore, e abbiamo percorso in tutto più di mille metri in salita. Troppo lungo? Troppo faticoso? Naaa. Non è mica la Travenanzes.

Precisazioni sulle tempistiche: la guida seria scritta da un alpinista indica 6 ore e 45 minuti come tempo totale di percorrenza. Noi, in una gioventù ormai lontana e priva di bambini, ci abbiamo messo 7 ore con anche il momento pioggia sul percorso, quindi direi che i tempi ufficiali sono abbastanza attendibili. Se partite in mattinata entro le 10 dal parcheggio state sereni che rientrate entro l’imbrunire, altrimenti si rischia il buio, soprattutto ad agosto e settembre. Che va bene eh, ma portatevi la torcia.

E questo era uno dei giri più belliin assoluto. Possiamo fare di meglio? Possiamo. Seguite le freccine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *