#diariomontano07

La Val Travenanzes è un mito: una valle vuota tra il Lagazuoi e Cortina, lunghissima, che gira intorno alle Tofane. Silenziosa, senza rifugi, quasi desolata. Sulla carta quindi, perfetta per noi. Mio marito me la decanta da anni come una roba fichissima quindi dobbiamo andarci per forza.

Il percorso che abbiamo escogitato per percorrerla in un solo giorno è impegnativo e prevede sicuramente un’alzataccia, perché ovviamente bisogna lasciare la macchina a Cortina e prendere il pullman, e noi non abitiamo a Cortina perché siamo povery. Quindi dobbiamo considerare quella mezz’ora abbondante per farci il passo e trovare parcheggio. Ma bisogna andare. Per forza.

Ex Bar Magistrato delle Acque
Forcella Col dei Bos
Val Travenanzes
Cortina d'Ampezzo

Difficoltà Media
Tempo di percorrenza 6h30 (senza pause)
Dislivello in
salita
340 metri
Dislivello in discesa 1100 metri
Sentieri 412, 402, 404, 401, 409, 408, 417
Carta Tabacco 03 CORTINA D’AMPEZZO E DOLOMITI AMPEZZANE 1:25.000
Rifugi NESSUNO

Esatto, avete capito bene. Nessun rifugio.

Partiamo dunque di buon mattino con tutto l’occorrente per il pranzo al sacco e troviamo un posto comodo nei pressi della vecchia pista da bob: ci sono alcuni parcheggi riservati alle aree sportive e in genere si riesce a parcheggiare gratis per la giornata intera. Dopo aver lasciato l’auto cerchiamo la più vicina fermata dell’autobus sulla statale, in direzione Passo Falzarego, che è subito nel tornante, e appena passa il bus saliamo a bordo.

Info

Di norma ci si reca nei giorni precedenti in un ufficio turistico e si prendono gli orari aggiornati dei pullman per la linea che ci interessa, e ci si informa se il biglietto si fa a bordo oppure in tabaccheria, ma se vi piace il rischio potete anche appostarvi alla pensilina, entro una mezz’ora dovrebbe passare l’autobus giusto.

Attenzione: la fermata in cui scendere non è quella del passo, anche se non sarebbe del tutto un dramma. Scendiamo infatti alla fermata dell’ex Bar Magistrato delle Acque, la fermata prima di Col Gallina. Se non siete sicuri chiedete all’autista. Per arrivare su in bus ci vorranno circa 20/25 minuti e la quota di partenza è sui 2000 metri circa, qualcosa in meno.

Salita alla forcella di Col dei Bos

Scendiamo in una curva della strada, con una vecchia casa in disuso che un tempo era un bar e anche una locanda forse, con uno spiazzo davanti usato come parcheggio. Si chiama Ex Bar Magistrato delle Acque e da qui infatti parte il sentiero 412, che taglia trasversalmente il bosco dietro la strada, sulle prime pendici di Col del Bos.

Il sentiero è abbastanza agile e largo e procede nel bosco con una salita non troppo ripida. Circa una ventina di minuti dopo spuntiamo sul tornante di una strada carrabile bianca, chiusa al traffico: si tratta di una vecchia strada militare, che conduceva ai baraccamenti sotto e detro la Tofana, che facevano parte del comando italiano. Grande Guerra ovviamente.

La strada prosegue in dolce salita, attraversando anche una breve galleria e sbucando in un ampia valle solcata dai tornanti, da cui la vista si apre sulla Tofana di Rozes. Non è escluso vedere qualche camoscio in questa valle, e infatti eccone uno che spunta in lontananza, ci vede e scappa. Forse era andato a bere nel ruscello e l’abbiamo disturbato. Pazienza.

Camoscio
Non è un fotomontaggio. Era lì.

La strada procede a tornanti ma c’è un sentiero che la taglia, con una pendenza più decisa. Noi NON lo prendiamo però, perché vogliamo andare a riempire la borraccia alla fonte che sta in uno dei tornanti. Questa è l’ultimo segno di civiltà per un bel pezzo: oltre non troveremo niente. Né cibo né acqua. E ci sono in totale circa 20 km da percorrere. Una sgambata, direbbero alcuni.

Strada del Genio
La strada del genio

Quasi in cima

Andiamo dunque, lungo i tornanti. Si sale qui tutta o quasi la salita che faremo oggi: dove la strada finisce continua un sentiero, il 402, che si addentra tra le rocce della forcella di Col dei Bos, e dopo un breve strappo arriviamo in cima. A destra abbiamo la Tofana con il Castelletto bene in vista, a sinistra abbiamo Col dei Bos, e dietro il Lagazuoi.

Possiamo concederci una breve sosta ma bisogna rimettersi subito in marcia o non arriveremo più. Siamo giovani e di belle speranze ma siamo pur sempre bolsi cittadini di pianura, mica caprette. Dobbiamo andare o moriremo di stenti sul sentiero.

Info

Nella foto precedente si può notare l’agile presenza della Tata in zaino. Si potrebbe pensare che essa ci abbia accompagnato su questo percorso al limite della follia umana ma NO. Si rassicurano le famiglie a casa che la dolce infanta non era ancora nei pensieri, quando i genitori si sono incamminati incautamente sulle vie della Travenanzes. Eravamo soli e sicuramente più in forma che adesso.

Tofane all'imbocco della Val Travenanzes
Piccoli sentieri verso enormi montagne

Dentro la Travenanzes

Proseguiamo dunque sul 402 e dopo qualche metro, quando si inizia a scendere, a destra si stacca il sentiero 404 che si addentra nella valle sottostante. Lo prendiamo.

Siamo nella Val Travenanzes e possiamo fermarci un attimo man mano che scendiamo per osservare la meraviglia: una valle vuota, con i rivoli d’acqua che scorrono fra rocce bianche e rosa e piccoli prati pensili, soffici e bagnati, con minuscoli fiori bianchi.

E il sentiero diventa ghiaione, poi letto del fiume, e sembra scomparire come se l’uomo non fosse mai stato lì. Intorno solo le cime tra le più belle del mondo, dove ogni tanto scorgiamo qualche alpinista attaccato in parete in una delle numerose ferrate che le solcano. Piccolissimo, quasi invisibile, mentre appare e scompare nelle nuvole.

Lagazuoi
Spunta la catena del Lagazuoi

L’uomo però c’è stato eccome: la Travenanzes è stata la retrovia della linea austriaca durante la guerra, quindi c’erano baracche, trincee e punti di artiglieria sui fianchi, ben barricati. Il fiume ha portato via quasi tutto, ma se mi infilo tra le rocce trovo ancora scatolette di latta arrugginite, pezzi di filo spinato, lamiere accartocciate e pali spezzati. Ne prendo anche una di scatolette, quasi intonsa. Sardine forse, o tonno, chissà.

Tofana
Gigante

Proseguiamo verso il basso: la discesa è dolce e apparentemente poco faticosa, ma è molto lunga quindi non possiamo perdere troppo tempo tra una foto e l’altra. Ad un certo punto il ghiaione finisce e si arriva ad un bivio con il sentiero 401, in corrispondenza di una casetta, segnata sulla carta come Cason de Travenanzes, una vecchia malga ora chiusa.

Decidiamo di mangiare qui, sotto lo spiovente del tetto, seduti su due panche. Siamo noi e altri due escursionisti. Quattro persone in tutta la valle immensa.

Ricordi assurdi

Sono trascorsi anni ormai ma l’aneddoto di colore che riguarda questo viaggio non smetterà mai di farmi ridere. Siamo lì, stiamo mangiando da qualche minuto, insieme a un’altra coppia di escursionisti, quando spunta dal pendio un gruppo folto di persone, una decina in tutto, che parlano a voce alta.

Si avvicinano e ci accorgiamo che sono Luca Cordero di Montezemolo e amici più guardie del corpo (evidentemente armate sotto la giacca). E ce ne accorgiamo perché lui si ferma a parlare con noi per 5 minuti, ci chiede di dove siamo e imparando che siamo due coppie rispettivamente di Bologna e Modena, si profonde in lodi della terra dei motori.

Poi va via.

Noi aspettiamo ancora una mezz’ora prima di ripartire, e ancora oggi mi chiedo se posso essermelo sognato oppure se è stato tutto vero.

E niente, F4 basita.

Fiume della Val Travenanzes
Gli omini nel fiume della Travenanzes

La parte bassa della Val Travenanzes

Ripartiamo sul sentiero 401, che costeggia tutto il fianco ovest e nord-ovest del gruppo delle Tofane, dentro e fuori dal letto del fiume, a tratti su piccoli ponti di assi sul fianco della montagna. Non era molto manutenuto quando siamo passati noi, magari oggi è messo meglio: in vari punti abbiamo dovuto aggirare le frane e passare più a monte o più a valle della traccia poiché l’acqua aveva portato via le assi. Ma non c’è nulla di pericoloso, basta stare attenti a dove si cammina.

Il rio che costeggiamo procede sempre più verso destra fino ad arrivare ad una confluenza, in corrispondenza di un altro colle che si staglia davanti a noi: il Col Rosà. Qui il fiume, ormai grosso, procede per la sua corsa verso nord, mentre noi seguiamo una strada sterrata che continua a girare intorno alle Tofane, il sentiero 409, che comincia a risalire leggermente verso l’alto.

Dal punto più basso (1531 metri) dobbiamo tornare a quota 1724, in corrispondenza del Passo Posporcora e sì, ha un nome assurdo e sì, chi ce l’ha fatto fare? Chi? Perché dobbiamo risalire? Uccidetemi qui e ora, sto camminando da più di 4 ore, voglio buttarmi nel fiume!

Bassa Val Travenanzes
Siam quasi in fondo eh, quasi

Si sale e si riscende

E invece no, risaliamo. Forza e coraggio. L’ultimo sforzo, mi hanno detto. L’ultimo sforzo, vi dico. Quante falsità. Saliamo al passo e concediamoci di morire un minuto sulla panca che troviamo nel bosco sul punto più alto (beata panca!!!), perché poi parte la discesa senza fine. Il sentiero si chiama 408 ed è un inferno tale che chi l’ha progettato io lo vorrei sapere… Si butta giù nel bosco così, come se non ci fosse un domani, e in un niente di spazio copre tipo 400 metri di dislivello.

Quando arriviamo in fondo sembra che le ginocchia si vogliano svitare e abbandonarci, ma non ce lo possiamo permettere: c’è da imboccare il 417 verso sud, una strada sterrata nel bosco che costeggia il torrente Boite, che passa per Cortina. Siamo arrivati allora?

No. Manca ancora un sacco. Il sentiero è lungo, una passeggiatona si direbbe, ma ci si deve smazzare prima tutta la periferia: il campeggio, gli alpeggi, le prime case in collina, le case con giardino, le case con piscina, le prime palazzine, le villette a schiera e finalmente, la pista da bob. La macchina. LA MACCHINA! Toglietemi le scarpe e cambiatemi i piedi, domani SPA.

Tempistiche

Siamo arrivati alla macchina che erano quasi le 20, partendo nelle 10:30 di mattina da Cortina. Solo di cammino sono 6h30 senza pause, celeri. Se vi fermate, fate le foto, mangiate, consideratene almeno 8/8e30 per il giro. Più 30 minuti per la corriera. E sì, sono almeno 20 km, quindi animo!

Ho un debole per le Dolomiti Ampezzane, quindi sotto le freccine vi metto altra roba qui in zona, casomai vi servisse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *